Palazzo Comelli

Palazzo Comelli, frutto di ampliamenti avvenuti nel corso dei secoli su preesistenze medievali, domina il borgo Ca’ dei Melati in cui dal 1643 abitava la famiglia dei Comelli,  proveniente da Castel di Casio, famosi costruttori  di orologi  da  torre, abili tornitori di  metallicesellatori ed ebanisti di rara maestria.
Tutto il borgo costituisce un esempio di architettura alto-borghese della montagna, probabilmente dato anche dalle attività svolte dal noto Francesco Comelli, chiamato nel 1780 dal senato a svolgere la sua  attività a Bologna.

Gian Battista, morto a Bargi nel 1916, diede al nome dei Comelli l’impronta erudita e preziosa che oggi lo segna: oltre ad essere studioso di lettere ed agraria, fu collezionista e cultore di storia locale, compilò interi alberi genealogici di famiglie del bolognese ed organizzò lo straordinario archivio di atti notarili redatti dai suoi antenati e riguardanti Bargi e il circondario fra il ‘500 e il primo ‘900, ricostruendo in modo continuativo e dettagliato quattro secoli di storia di comunità locali e di pubbliche istituzioni! All’interno delle sale dell’ala nord del palazzo, sono conservati i beni bibliotecari della famiglia e l’archivio storico, composto da una serie di manoscritti che riportano utilissime informazioni autobiografiche della famiglia stessa e di uomini illustri del 1800, con riferimenti storici, documenti contabili e riferimento all’attività professionale notarile di alcuni membri della famiglia dal XVI al XX secolo!

facciata del palazzo

I commenti sono chiusi.